Ricordi Circumvesuviana

Logo_Circumvesuviana.svg

SEGUICI SU FACEBOOK

LA FERROVIA CIRCUMVESUVIANA:

LA LINEA NAPOLI - NOLA - BAIANO

La linea Napoli-Nola-Baiano è una ferrovia della ex Circumvesuviana, ed è gestita dall' Ente Autonomo Volturno. La linea collega Napoli al suo hinterland nord-orientale, fino a Baiano in provincia di Avellino, inoltre dalle rispettive stazioni di Pomigliano d'Arco, Botteghelle e Volla si diramano le linee per Acerra e San Giorgio a Cremano.


Napoli-Nola 22 novembre 1884

Nola-Baiano 9 luglio 1885


La ferrovia fu concessa nel 1880 all'ingegner Giovanni Frontini, il quale cedette successivamente la concessione alla società belga Chemin de Fer de Naples-Nola-Bajano et Extensions, costituita a Bruxelles nel 1883, e la linea ferroviaria fu inaugurata nel 1884, a binario unico, scartamento ridotto e trazione a vapore tra Napoli e Nola: l'anno successivo la linea venne terminata, con l'arrivo definitivo a Baiano.

Con scritture private del 18 e 28 dicembre 1936 la società belga, nel frattanto andata in liquidazione, cedette la concessione della linea alla Strade Ferrate Secondarie Meridionali (SFSM), concessionaria delle linee Napoli – Ottaviano - Sarno e Napoli – Pompei - Poggiomarino e Torre Annunziata - Castellammare di Stabia con effetto dal 16 maggio 1937. Con l'acquisto da parte della SFSM si provvide ad ammodernare la linea: ciò comportò la demolizione della stazione terminale, sita in origine presso il corso Garibaldi all'altezza di Porta Capuana, e l'attestazione della stessa presso quella principale della Circumvesuviana, la costruzione di un tronco di raccordo per permettere ai binari di raggiungere quest'ultima, la sostituzione dell'armamento e l'elettrificazione della linea. A partire dagli anni settanta, grazie alla notevole crescita demografica dell' hinterland napoletano, la linea ha assunto la funzione di trasporto suburbano di massa.

Interventi di potenziamento

Nel 1992 viene attivato il raddoppio del binario fra Casalnuovo e Pomigliano; la nuova sede, i cui lavori erano iniziati nel 1977, è realizzata in viadotto, a fianco della vecchia linea a binario unico, eccetto una breve variante di tracciato su cui vengono realizzate le nuove stazioni La Pigna, Talona, Parco Piemonte e Pratola Ponte.

Il 23 marzo 1998 venne attivato un ulteriore tratto di linea raddoppiata, da Pratola a Scisciano, realizzando una lunga variante in viadotto comprendente le nuove stazioni di Pomigliano d'Arco, Castello di Cisterna, Brusciano, De Ruggiero, Vittorio Veneto, Marigliano e San Vitaliano[12].

Nel 2002 venne attivato il nuovo tracciato, interrato e a doppio binario, fra le stazioni di Napoli Garibaldi e Poggioreale, comprendente la nuova fermata di Napoli Centro Direzionale. Nel biennio 2002-2003 vengono inaugurate le fermate di Napoli Centro Direzionale e Salice ed entra in funzione la nuova stazione di Volla che sostituisce la vecchia fermata di Casoria Fontane.


Progetti

È in previsione l'interramento della tratta da Saviano a Nola; l'intervento consentirà l'eliminazione di numerosi passaggi a livello e di liberare aree all'interno dei centri urbani. Con la costruzione della nuova stazione dell'Alta Velocità di Napoli Afragola è previsto un collegamento tra quest'ultima e la stazione di Volla, con la realizzazione di una nuova bretella ferroviaria.


Di seguito vengono riportate le schede di ciascun sito rilevante della ferrovia con notizie e documentazioni, nonché immagini d'epoca e attuali.


Stazione di Baiano

Fermata di Avella




Torna Indietro

Creare un sito per ristoranti